Debiti e crediti… carmici

Non so se anche tu hai la sensazione di avere dei conti in sospeso, relazioni che vorresti veder andare a posto, in qualche modo, prima che questa vita giunga al termine.

Magari si tratta di vecchi rancori che, se ancora ci pensi, ti riportano a quelle persone che t’hanno fatto arrabbiare di brutto e verso le quali provi un risentimento che vorresti lasciar andare. Credo che non si tratti di dimenticare quello che è accaduto ma, piuttosto, un chiedersi se valga la pena, se rincontri quella persona, di rimanere neutro, senza carichi in sospeso. Quasi a valutarla di nuovo e poter arrivare a dire che non provi più rancore verso di lei. Cosa ci motiva, d’altro canto, a nutrire questi rancori, a tenerli in vita, come se fosse importante non dimenticare il male che ci hanno fatto? Ricordare è una cosa, provare continuamente rancore è diverso, più pesante.

Ci può essere un senso di colpa per uno sbaglio che hai fatto verso una persona, una cattiveria che gli hai usato, una violenza che hai inflitto, una ferita inferta. Ma anche una maldicenza diffusa per danneggiare, denigrare. Una cosa, insomma, per la quale vorresti scusarti ed essere perdonato. Sapere che quella persona non ti condanna più può essere una bella cosa se anche, dentro di te, hai ammesso l’errore, la cattiva intenzione, e sei cambiato, sei diventato una persona più corretta e ne sei intimamente consapevole. Questo porta serenità pur sapendo di avere in passato sbagliato. Ti rende anche più conscio se lo stesso sbaglio stai per commetterlo di nuovo e ti da la possibilità di fermarti per tempo.

A volte si prova anche il desiderio di rincontrare persone che hai perso di vista ma che ogni tanto ti tornano in mente. Può succedere che siano persone che incontri nei tuoi sogni, o vecchi amici o partner con i quali hai avuto relazioni significative. Secondo me sono significative tutte le relazioni che ti tornano in mente di tanto in tanto, sai quando dici a te stesso “vorrei rivedere quella persona”? E non ti sono chiari i motivi, le ragioni che ti spingono a questo, ma senti che c’è qualcosa lì di particolare per te. Forse si tratta anche di incontri che chiudono un cerchio: ti rivedi, passi anche qualche ora bene insieme e poi ti senti alleggerito, quella relazione non ti torna più su come prima.

Io penso che voglio concludere questa vita pagando i debiti, abbuonando i crediti e chiudendo i cerchi. Credo di non voler rivivere gli stessi errori, i medesimi traumi, di non tornare in una nuova vita ripetendo vecchi schemi che ho vissuto come pesanti.

È un po’ come quando accarezzi l’idea di suicidarti e poi ci rifletti e ti dici: e se fosse vero che torniamo e poi mi tocca rivivere tutto questo d’accapo? Allora preferisco affrontare adesso invece di rimandare. Questa è la mia scelta. Ad ognuno la sua, senza colpa, senza biasimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti su “Debiti e crediti… carmici”